@Download Book ⚹ Brigitta ì eBook or E-pub free

En este peque o relato, Stifter narra el viaje y la llegada del protagonista a tierras h ngaras, donde ha sido invitado por el comandante a pasar unas semanas en su casa Los dos son grandes viajeros y se conocieron en uno de estos viajes, quedando como amigos Despu s de un tiempo, el protagonista decide por fin aceptar la invitaci n de su amigo Tras la llegada a la casa, nuestro narrador sabr de una vecina de su anfitri n, la Brigitta del t tulo, tras cuya historia se oculta un misterio.Stif En este peque o relato, Stifter narra el viaje y la llegada del protagonista a tierras h ngaras, donde ha sido invitado por el comandante a pasar unas semanas en su casa Los dos son grandes viajeros y se conocieron en uno de estos viajes, quedando como amigos Despu s de un tiempo, el protagonista decide por fin aceptar la invitaci n de su amigo Tras la llegada a la casa, nuestro narrador sabr de una vecina de su anfitri n, la Brigitta del t tulo, tras cuya historia se oculta un misterio.Stifter est considerado un maestro de las letras alemanas, estudi ndose sus obras en colegios e institutos, y a pesar de esto, sus escritos no son muy conocidos, de hecho yo no he sabido de este autor hasta hace poco tiempo El estilo narrativo de Brigitta es at pico a prop sito, y las frases no fluyen naturalmente pero el relato consigue mantener la atenci n, sobre todo en los dos ltimos cap tulos, en los que Brigitta toma protagonismo En resumen, una buena historia 3.75 Sterne Ich mochte das Buch wirklich gerne und habe total genossen es zu lesen, weil es sch n geschrieben war. @Download Book Æ Brigitta ô Verlagstext Ebenso gro artig wie sensibel erz hlt Stifter die schwierige Liebesbeziehung der an u eren Reizen armen Brigitta und dem sie um ihres Wesens willen liebenden Gutsherrn Stephan Als dieser sie betr gt, gelingt es ihr, den inneren Reichtum in w rdige St rke und T tigkeit umzusetzen und schlie lich auch die gereifte Liebe ihres Mannes zur ckzugewinnenStifter verlegt die Lebens und Leidensgeschichte Brigittas in die ungarische Steppe und schafft somit eine Verkn pfung des Schicksals seiner Protagonistin mit den politischen und kulturellen Geschehnissen in UngarnDie Novelle Brigitta geh rt zu den am h ufigsten ver ffentlichten und gelesenen Texten Adalbert Stifters Wie bei nahezu all seinen Erz hlungen existiert auch hier eine Ur oder Journal Fassung und eine Buchausgabe, in diesem Fall die sogenannte Studien Fassung Diese Edition enth lt erstmals originalgetreu beide Versionen vonundin einer parallelen Textanordnung Eine im wahrsten Sinne des Wortes sch ne Geschichte, sch n zu lesen und zugleich die Sch nheit zum Thema habend Zudem eine echte Novelle einschlie lich der von Goethe postulierten unerh rten Begebenheit.Die Titelfigur lernen wir erst nach der H lfte des Textes n her kennen Zuvor bereist, betrachtet und verliebt sich der Erz hler in die ungarische Puszta und die dem Lande und seinen Menschen zugekehrte Lebensweise seines Gastgebers, des zuerst namenlosen Majors Dann aber tritt Brigitta und Eine im wahrsten Sinne des Wortes sch ne Geschichte, sch n zu lesen und zugleich die Sch nheit zum Thema habend Zudem eine echte Novelle einschlie lich der von Goethe postulierten unerh rten Begebenheit.Die Titelfigur lernen wir erst nach der H lfte des Textes n her kennen Zuvor bereist, betrachtet und verliebt sich der Erz hler in die ungarische Puszta und die dem Lande und seinen Menschen zugekehrte Lebensweise seines Gastgebers, des zuerst namenlosen Majors Dann aber tritt Brigitta und ihr Schicksal mit aller Macht in den Vordergrund Schon als Kleinkind entspricht sie nicht dem Sch nheitsideal ihrer Umgebung und wird selbst von ihrer Mutter abgelehnt Man macht einen Bogen um sie, so dass ihr Denken sich seit fr hester Kindheit auf sich selbst richtet, oder, in den Worten des Dichters die kleinen W rzlein, als sie einst den warmen Boden der Mutterliebe suchten und nicht fanden, in den Fels des eigenen Herzens schlagen mu ten.Stifter ergeht sich an dieser Stelle ber das Wesen der Sch nheit in einer Weise, dass man sich diese Sentenzen ins Poesiealbum schreiben m chten In dem Angesicht eines H lichen ist f r uns oft eine innere Sch nheit, die wir nicht auf der Stelle von seinem Werthe herzuleiten verm gen Oft wird die Sch nheit nicht gesehen, weil sie in der W ste ist, oder weil das rechte Auge nicht gekommen ist Aus welchem Boden aber diese Blume bricht, ist in tausend F llen tausendmal anders wenn sie aber da ist, darf man ihr jede Stelle des Keimens nehmen, und sie bricht doch an einer anderen hervor Und so kommt es Zu aller berraschung ist es ein Bohemien der Budapester Gesellschaft, der diese innere Sch nheit erkennt, um Brigitta wirbt und sie schlie lich heiratet und mit ihr auf sein Landgut zieht Aber auch bei ihm bricht das Oberfl chliche durch und er verl sst Brigitta nach einer Aff re mit einer attraktiven jungen Nachbarin All dies erfahren wir aus den Erz hlungen eines Dritten Hier aber setzt die eigentliche Geschichte erst ein, dessen weiteren Verlauf dem Leser vorbehalten bleibt An dieser Stelle nur so viel, dass Brigitta schlie lich den Frieden findet, mit sich selbst und ihrer Umwelt Sie war mit sichtlicher innerlicher Freude erf llt, und diese Freude, wie eine sp te Blume, bl hte auf ihrem Antlitze, und legte einen Hauch von Sch nheit dar ber, wie man es kaum glauben sollte, aber auch die feste Rose der Heiterkeit und Gesundheit Algo en Stifter hay que interpela mi propia subjetividad, alguna cualidad interior m a, alguna caracter stica de mi persona No s cu l ni qu elemento ser si los bosques impresionistas, si el aire nost lgico que envuelve el relato, la frase tensada al l mite de la estilizaci n, o la sueve pendiente por la que uno se desliza leyendo sus libros. I thought this was a nice read The language was lovely It s mainly set in eastern Hungary It s a novella really, and the description of the countryside, of the animals and the people is very evocative I can see how W.G Sebald said that its author influenced him.I understand that Rock Crystal is available on Librivox, so I m going to have a look at that soon I thought this was a nice read The language was lovely It s mainly set in eastern Hungary It s a novella really, and the description of the countryside, of the animals and the people is very evocative I can see how W.G Sebald said that its author influenced him.I understand that Rock Crystal is available on Librivox, so I m going to have a look at that soon Stifters Novelle erz hlt eine ungew hnliche Emanzipationsgeschichte, in der die H sslichkeit der Protagonistin nicht nur Problem, sondern vor allem Voraussetzung eines au ergew hnlichen Individuationsprozesses ist Auch f r ein Happy End ist gesorgt ein anr hrendes Lesevergn gen. Due novelle simili, due risultati letterari diversiIl mio ultimo incontro con Stifter non stato felice Due sorelle, la lunga novella o romanzo breve letta meno di un anno fa, mi era parsa quasi una prova caricaturale della poetica dell autore austriaco, tanto apparivano costruiti i buoni sentimenti, l esaltazione dell armonia della vita rurale e dell intraprendenza operosa che ne costituivano l ossatura Mi era parsa, e mi pare ancora, una novella a tesi, dall intento smaccatamente pedagogi Due novelle simili, due risultati letterari diversiIl mio ultimo incontro con Stifter non stato felice Due sorelle, la lunga novella o romanzo breve letta meno di un anno fa, mi era parsa quasi una prova caricaturale della poetica dell autore austriaco, tanto apparivano costruiti i buoni sentimenti, l esaltazione dell armonia della vita rurale e dell intraprendenza operosa che ne costituivano l ossatura Mi era parsa, e mi pare ancora, una novella a tesi, dall intento smaccatamente pedagogico, che a tale intento sacrifica tutto, a partire dalla credibilit dei personaggi e dei loro comportamenti per finire con le descrizioni dell ambiente e della natura Persino la trama era un po sconnessa, in contrasto con l abituale precisione, quasi pedantesca, che contraddistingue le opere di Stifter.Me di quanto letto in passato, avevo ritenuto Due sorelle un episodio a mio avviso negativo nell ambito della importante produzione letteraria di un autore imprescindibile se si interessati a conoscere il clima culturale che caratterizz l Austria e non solo nel periodo della restaurazione post napoleonica, quel periodo quasi sospeso nel quale l aristocrazia pretese di riportare indietro le lancette della storia riaffermando il proprio dominio assolutistico, periodo che terminer con le rivoluzioni liberali del 1848 Stifter come noto uno dei principali cantori di questo periodo, a cui pure sopravviver per un ventennio incarna, sia nelle opere letterarie sia in quelle pittoriche, l essenza del Biedermeier viennese, pi che uno stile un vero e proprio clima culturale che pervade l insieme delle manifestazioni artistiche dell epoca Egli in particolare traduce la restaurazione politica e sociale nella ricerca di una armonia tra gli uomini e tra questi e la natura, armonia basata sulla semplicit e sull autenticit delle relazioni, che si possono esprimere e realizzare solo lontano dalla citt , luogo per eccellenza delle contraddizioni e delle lotte portate dai tempi nuovi, nelle piccole comunit di campagna, laddove gli uomini possono mettere a frutto il loro spirito di intraprendenza in un rapporto funzionale con la natura, fonte di benessere, prosperit e saggezza.La lettura di Brigitta, una delle novelle pi famose di Stifter, mi ha stranamente confermato che quella che ho ritenuto essere la caduta di stile di Due sorelle pu ritenersi un episodio Dico stranamente perch le due opere presentano numerose affinit strutturali, anche se il risultato artistico a mio avviso completamente diverso Innanzitutto entrambe appartengono al medesimo periodo della vita di Stifter Brigitta del 1844, Due sorelle di soli due anni pi tarda Sono gli anni di maggiore fecondit artistica di Stifter, significativamente anteriori alla cesura del 1848 Inoltre le storie in esse narrate sono formalmente molto simili In entrambe il protagonista narra in prima persona, anni dopo, episodi della sua vita da giovane Entrambe le novelle sono incentrate sull amicizia tra il protagonista e una persona pi anziana i due si incontrano e divengono amici, pur conoscendo poco l uno dell altro, quindi si separano per qualche anno perch abitano lontani l uno dall altro Il pi anziano, che vive in contrade esotiche dell impero austroungarico, invita il giovane ad andare da lui, e quest ultimo intraprende un viaggio che lo porter solo dopo mesi presso il suo amico, dove si fermer a lungo all amicizia si aggiunger l ammirazione per le tenute agricole di chi lo ospita, che ha reso fertili e produttivi terreni brulli e inospitali Il giovane si rende per conto che l amico nasconde un segreto, che sembra tormentarlo quando questo segreto gli verr raccontato il giovane far ritorno a casa.Lo schema costruttivo delle due novelle quindi molto simile, anche se cambiano alcuni particolari ad esempio, in Brigitta la puszta ungherese sostituisce il Lago di Garda, e l amico vive solo, invece di avere una famiglia come accade in Due sorelle.Questo schema comune non ovviamente causale o frutto di scarsa vena creativa dell autore deriva dalla quasi assoluta identit di ci che Stifter voleva comunicare al suo lettore con queste due novelle, dalla necessit , che egli ha probabilmente sentito all atto di scrivere Due sorelle, di ribadire quasi punto per punto ci che aveva gi detto due anni prima scrivendo Brigitta, ritenendolo particolarmente importante Analizziamo pi in dettaglio le analogie tra le due novelle.Il primo elemento di spicco il comune ricorso alla narrazione della storia in prima persona, anni dopo gli avvenimenti Per la verit in Due sorelle questa narrazione avvolta in una breve prefazione e in un ancora pi breve epilogo in cui prende la parola lo stesso Stifter, nelle vesti di amico del protagonista egli per si limita a trascriverla cos come lui ce l ha riferita, lasciando quindi la responsabilitdel narrare a chi i fatti li ha vissuti in prima persona Ritengo comunque che l elemento pi significativo sia rappresentato dal distacco temporale tra i fatti e la narrazione, a significare come le riflessioni possano essere compiutamente esposte solo dopo, quando gli elementi di saggezza trasfusi nell animo del protagonista dai fatti narrati sono adeguatamente lievitati nel grande forno dell esperienza.Vi poi la comune identificazione del protagonista giovane come viaggiatore, come wanderer nel senso che il romanticismo tedesco ha attribuito a questo termine In Brigitta il protagonista viaggiatore caratterizzato anche esteriormente come wanderer, essendo dotato di tanto di bastone e giacca consunta ed avendo molto viaggiato in giovent , animatodalla speranza di conoscere e di scoprire chiss mai che cosa, ma anche il suo compagno di Due sorelle compie un viaggio di conoscenza al termine di questi viaggi entrambi saranno cambiati, dopo aver toccato con mano le modalit concrete di costruzione dell armonia tra gli uomini e tra uomini e natura Il viaggio significativamente porta i due wanderer da un orizzonte urbano e tedesco a uno esotico, dove per la natura selvaggia e inospitale stata modellata ed addomesticata per metterla al servizio dell uomo In entrambe le novelle Stifter si sofferma a descrivere dettagliatamente le colture, le operazioni agronomiche, l organizzazione del lavoro nelle tenute, la concordia tra proprietari e salariati grazie alla severa giustizia dei primi, a testimonianza dell intento pedagogico delle novelle Per conoscere la vera operosit e i veri sentimenti che soli possono portare alla saggezza, quindi, bisogna andare lontano dalla citt , simbolo del caos industriale, l dove uomini o donne dotati di particolari capacit possono accrescere il loro benessere e quello delle persone che li circondano attraverso il duro lavoro che rende produttiva la terra.Se quindi l ideologia di fondo delle due novelle tanto simile, se il loro schema costruttivo analogo, cosa che le rende cos diverse Cosa che fa di Brigitta, a mio modo di vedere, un racconto degno del miglior Stifter e Due sorelle una storia sconnessa e a tratti noiosa Come spesso accade, nei particolari che in questo caso non sono proprio dei particolari che si nasconde il diavolo Una differenza sostanziale tra le due novelle data dalla caratterizzazione dei personaggi Detta in soldoni, in Due sorelle tutti i membri della famiglia Rikar ed anche i loro amici sono buoni, le avversit vengono dall esterno e tutti contribuiscono a superarle In Brigitta, invece, le due figure centrali, il Maggiore Stephan Murai e Brigitta Marosheli, sono personaggi a tutto tondo, capaci di scelte dolorose e responsabili soprattutto il Maggiore delle sofferenze che si infliggono l un l altro, che verranno superate pienamente solo nell agnizione finale.Entrambi i personaggi sono particolarmente interessanti Da giovane il Maggiore sceglie Brigitta non tanto perch sa riconoscere il vero a a dispetto delle apparenze, ma per una sorta di affermazione egoistica della sua superiorit dopo poco, per , le sue contraddizioni esploderanno inevitabilmente, ed egli si lascer andare alle convenzioni che imponevano di privilegiare la bellezza rispetto all intelligenza Anch egli al wanderer, compie un percorso di conoscenza, e dopo avere viaggiato per il mondo cercando cose morte le rocce del Vesuvio, i reperti archeologici giunge a riconoscere la superiorit di Brigitta per il fatto che nel frattempo si trasformata in una abilissima imprenditrice agricola Significativamente il suo riavvicinamento a lei avviene innanzitutto su un piano utilitaristico, con la creazione di un consorzio per il migliore sfruttamento delle terre comunque senza dubbio Brigitta il personaggio pi complesso e per certi versi pi moderno della novella, cui non a caso d il titolo Sorta di realistica Cenerentola, la brutta e mascolinamente agile e vigorosa Brigitta dai fiammeggianti occhi neri rifiuta lucidamente il mondo in cui immersa e le convenzioni che la soffocherebbero, per crearsi un universo fatto di cultura e autocoscienza Quando il giovane, ricco e prestante Stephan Murai la corteggia, ella lo mette in guardia, dimostrando di intuire le contraddizioni di quell attenzione e di presagire la necessaria volubilit dell innamorato sola in camera piange disperatamente, dicendosiMa non possibile, non possibileMurai riesce comunque a conquistarla, ma quando l inevitabile accade lei a proporgli il divorzio, di fatto a scacciarlo di casa La sua rivincita, come detto, passer attraverso la capacit di dimostrare tutta la sua forza attraverso la creazione e la conduzione di un azienda agricola.Un altro particolare di non poco conto che differenzia le due novelle dato dal fatto che l ambientazione esotica e i personaggi di contorno appaiono meno stereotipati Una delle cose che rendevano sciatta Due sorelle era l ambientazione italiana, piena di personaggi dalla pelle e dagli occhi scuri, sporchi e dediti per lo pi ad oziare La puszta di Brigitta invece tratteggiata pi sobriamente, spesso paragonata ad un deserto, ed anche i pochi ungheresi che hanno un qualche ruolo attivo nella vicenda risentono meno di pregiudizi etnici.La forza e la complessit dei due personaggi, in particolare quelle di Brigitta, sono comunque ci che differenza maggiormente questa novella da Due sorelle, in grado per contrasto di far risaltare meno l ideologia stifteriana della piccola comunit operosa, che sottende entrambe.Un ulteriore elemento di pregio della novella dato dall edizione nella quale l ho letta, fortunatamente ancora in catalogo Non posso che confermare infatti quanto preziosi siano questi volumi della collana Letteratura universale Marsilio, che propongono sempre il testo a fronte, una esaustiva e stimolante prefazione, una nota biografica sull autore e un ricco apparato di note al testo Anche in questo senso il paragone con Due sorelle impietoso, considerato che il volume edito nella Piccola Biblioteca Adelphi non riporta nulla eccetto il nudo testo.Mi corre in particolare l obbligo di segnalare la preziosa introduzione di Matteo Galli, nella quale sono trattati ed argomentati numerosi aspetti della novella, con una competenza critica che ovviamente supera di gran lunga la mia, e sono anche ben evidenziati i limiti della prosa di Stifter Galli insiste soprattutto, a mio avviso a ragione, sul carattere antiromantico della novella, che condanna la bellezza vuota, esaltando invece la bellezza del saper fare, e mettendo in evidenza come sia il narratore sia il Maggiore siano dei wanderer pentiti, cio abbiano acquistato la conoscenza e la saggezza proprio abbandonando lo spirito romantico della giovent Tutta la narrativa di Stifter va del resto nella direzione di contrapporre il minimalismo rurale allo spirito d avventura, e nulla pi diverso della concezione del rapporto dell uomo con la natura in Stifter e nei romantici Va per notato che comunque il viaggio, sia pure raccontato dopo anni, in Brigitta, e non solo, una metafora che Stifter comunque mutua dal romanticismo come elemento essenziale della conoscenza.La tesi sviluppata da Matteo Galli secondo la quale non sarebbero giocoforza da attribuire a Stifter in quanto autore le idee e le opinioni espresse dai narratori in prima persona delle sue opere mi lascia invece alquanto perplesso Quali altre idee ed opinioni esprimerebbe Stifter in quanto autore se non quelle che mette in bocca ai suoi personaggi, ed in particolare ai suoi alter ego che parlano in prima persona e a cui affida la documentazione e in qualche modo la morale delle vicende narrate Lo stesso Galli infatti a mio modo di vedere si smentisce nel prosieguo del breve saggio introduttivo, ad esempio quando evidenzia i contenuti politici di alcuni discorsi del Maggiore, che non possono che essere attribuiti a Stifter Sembra quasi che Galli voglia a tutti i costi assolvere Stifter dall accusa di essere sostanzialmente un reazionario, latore di un messaggio che non faceva i conti con i tempi e con la loro complessit Personalmente ritengo che Stifter fosse in buona parte esattamente ci il che non toglie che ci abbia lasciato opere che ancora oggi meritano di essere lette con attenzione e piacere, perch contribuiscono a farci comprendere lo spirito di un epoca When we were reading Adalbert Stifter s novella Brigitta at university for a second year course on German 19th century literature the professor was first and foremost focusing on the author s glowing and even evocatively passionate descriptions of the pussta the famous grassland steppes of Hungary and how both Stephan Murai and Brigitta Marosheli Stephan s former wife and now cherished friend and neighbour live and promote the Weltanschauung of inner beauty being in all ways superior and m When we were reading Adalbert Stifter s novella Brigitta at university for a second year course on German 19th century literature the professor was first and foremost focusing on the author s glowing and even evocatively passionate descriptions of the pussta the famous grassland steppes of Hungary and how both Stephan Murai and Brigitta Marosheli Stephan s former wife and now cherished friend and neighbour live and promote the Weltanschauung of inner beauty being in all ways superior andlasting than external loveliness and prettiness which is also and in turn mirrored by the depicted landscape itself, which though rough and often stark, is nevertheless presented by Stifter as in many if not even most waysinherently and all encompassingly beautiful and healthy than delightful but really and truly rather mundane hot house flowers, formal gardens and softness But honestly, even when I was reading Brigitta in 1986, while I certainly did understand, while I certainly was well aware of the fact that Brigitta Marosheli is depicted and presented by Adalbert Stifter as being rather plain and masculine looking in appearance, I absolutely NEVER even remotely thought that he was showing and portraying her as being in any way physically ugly And even now, upon rereading, while I can to a certain extent perhaps understand how and why some interpreters do see in Stifter s Brigitta the embodiment of the physically unattractive, even perhaps repellent woman with an internally glowing and beautiful soul and philosophy, I do personally rather majorly cringe at this assessment, because for my eyes, for my own aesthetics, Brigitta Marosheli is NOT AT ALL physically abhorrent in appearance, for while she might not be dainty and prettified, her very plainness and a trifle masculine physique is absolutely and totally as shining as her inner self, with real and true ugliness manifesting itself mostly and mainly in and trough Brigitta s parents, especially her vain as a proverbial peacock mother for willfully turning her back on a daughter not considered comme il faut with regard to her and society s standards of accepted beauty Questa lettura nasce sulla scia del bellissimo Danubio di Claudio Magris Stifter infatti uno dei tanti autori citati dal triestino nella parte dedicata all Austria e alla valle della Wachau Per me si tratta di una rilettura perch lo lessi ormai nel 2001 e non lo ricordavo per nulla.La storia, ambientata nella sterminata pianura ungherese, ha tutta l aria di misteriosa solitudine degli spazi immensi e ha per protagonista Brigitta, una donna la cui vicenda umana legata alla figura del mag Questa lettura nasce sulla scia del bellissimo Danubio di Claudio Magris Stifter infatti uno dei tanti autori citati dal triestino nella parte dedicata all Austria e alla valle della Wachau Per me si tratta di una rilettura perch lo lessi ormai nel 2001 e non lo ricordavo per nulla.La storia, ambientata nella sterminata pianura ungherese, ha tutta l aria di misteriosa solitudine degli spazi immensi e ha per protagonista Brigitta, una donna la cui vicenda umana legata alla figura del maggiore, coprotagonista misterioso della storia che invita nella sua tenuta il giovane che ci narra la vicenda Il narratore vedr svelarsi pian piano, nel tempo trascorso nella tenuta, sia il passato dei protagonisti sia i legami che li uniscono.Non lo ricordavo cos bello e delicato e cos profondo nell entrare nell animo dei personaggi Quindi una rilettura che stata quasi un autentica scoperta Bellissimo Avendo poi la fortuna di avere un edizione col testo a fronte, di quando in quando ho letto vari passi in originale, assaporando cos un tedesco bellissimo, di altri tempi, delicato come un frusciar di foglie , tanto per citare Antonia Pozzi che pure tanto amava questa lingua